Archivi categoria: Consiglio Comunale

Sezione riguardante l’attività consigliare

Consiglio comunale del 09/02/2017

Nel corso dell’assemblea del 9 febbraio è stata affrontata l’interrogazione presentata dal nostro gruppo in seguito alle dichiarazioni di Rosy Bindi sul rischio di infiltrazioni mafiose nel territorio tribianese. Il Sindaco si è detto “sopreso” in merito alle parole della Presidente della Commissione Antimafia, sostenendo che non conosce il motivo per cui sia stato fatto il nome di Tribiano durante la conferenza stampa. Ci ha informati di avere contattato tempestivamente un altro membro della Commissione, l’on. Taglialatela, il quale con un comunicato ha fatto sapere che il nostro Comune non risulta citato in nessun atto parlamentare. Il Sindaco ha ribadito inoltre la totale disponibilità dell’Amministrazione a collaborare con le forze dell’ordine, affermando che Tribiano “non ha nulla da temere”. Durante il confronto tra maggioranza e opposizione, che si è tenuto con toni sereni e alla presenza di numerosi cittadini, abbiamo espresso nuovamente le nostre perplessità sul perchè sia stato fatto il nome di Tribiano, se poi il nostro Comune non è mai stato oggetto di discussione in Commissione. Il Sindaco ha ripetuto che “bisognerebbe chiederlo a lei”, aggiungendo che la Bindi, per la posizione che ricopre, può “dire quello che vuole” e che non avendo smentito il comunicato dell’on. Taglialatela, per l’Amministrazione la questione può considerarsi chiusa.

Si è passati in seguito alla mozione per l’adesione di Tribiano alla campagna “Verità per Giulio Regeni”, che l’assemblea ha approvato all’unanimità: un bel momento di democrazia e condivisione di ideali da parte di maggioranza e opposizione.
Infine abbiamo dedicato un minuto di silenzio per celebrare sia il Giorno della Memoria (27 gennaio) che il Giorno del Ricordo, che ricorre oggi.

Siamo estremamente soddisfatti nell’aver visto la Sala Giunta piena in occasione del Consiglio: al di là delle comunicazioni obbligatorie per legge, le assemblee non sono mai particolarmente pubblicizzate e il fatto che ieri molti cittadini abbiano partecipato significa che anche per loro era importante che venisse fatta chiarezza sulla questione “mafia-Tribiano”.

Sul rischio di infiltrazioni mafiose vogliamo vederci chiaro

Giovedì prossimo, 9 febbraio, alle ore 21.00 presso la Sala Giunta del Municipio si terrà un importante Consiglio Comunale. Cliccando qui trovate la convocazione e l’ordine del giorno.

Sarà trattata un’interrogazione presentata nei giorni scorsi dalla nostra Lista, in seguito alle dichiarazioni dell’on. Rosy Bindi, Presidente della Commissione Nazionale Antimafia, che durante una conferenza stampa ha dichiarato che anche il Comune di Tribiano va tenuto sotto controllo perché “sono state segnalate delle situazioni che quantomeno possono essere considerate spia o manifestazione di una capacità delle organizzazioni, soprattutto ‘ndranghetiste, ma in alcune situazioni anche legate a mafie straniere, di controllare il territorio e di condizionare l’amministrazione”.

Alla luce di queste parole abbiamo chiesto all’Amministrazione se sia a conoscenza di “situazioni a rischio” sul nostro territorio e quali azioni abbia intrapreso per capire meglio i motivi di queste dichiarazioni e per prevenire i rischi citati dalla Bindi. Cliccando qui potete accedere al testo dell’interrogazione.

Oltre a questo punto, sarà ridiscussa la nostra mozione per l’adesione del Comune di Tribiano alla campagna “Verità per Giulio Regeni”, in seguito al confronto tra maggioranza e opposizione avvenuto nel corso dell’ultima seduta.

Inoltre, dedicheremo un momento dell’assemblea al Giorno del Ricordo, per commemorare le vittime dell’Olocausto e delle Foibe.
Come sempre rinnoviamo il nostro invito alla massima partecipazione, continuate a seguirci!

Consiglio comunale del 28/12/2016

Si è svolto l’ultimo consiglio comunale del 2016.

Dopo l’approvazione dei verbali delle precedenti sedute, abbiamo discusso la quinta variazione al bilancio di quest’anno, varata dalla Giunta. Sostanzialmente si tratta di un’ulteriore ridistribuzione dell’avanzo di amministrazione per finanziare i lavori di conversione del vecchio Municipio in Caserma dei Carabinieri (450.000€) e per la realizzazione dei nuovi impianti sportivi (400.000€). Nel corso del dibattito abbiamo ribadito la nostra posizione: avevamo accolto con parere favorevole la proposta di trasloco dell’Arma, a patto che l’operazione non comportasse costi per i tribianesi. Il processo di trasferimento sarà invece a carico dei cittadini e il gruppo di maggioranza è stato molto chiaro nel definire questa decisione come una «scelta sia politica che amministrativa» finalizzata alla realizzazione di un’opera considerata «prioritaria» dall’esecutivo. Di conseguenza, il nostro voto è stato contrario.
Il punto successivo, direttamente legato a quello appena trattato, riguardava la revisione del DUP (Documento Unico di Programmazione) per aggiornare il calendario dei lavori delle opere pubbliche sulla base delle variazioni appena approvate. Rispetto alle cifre esposte sopra, il costo totale di ciascuna delle due opere aumenta di 50.000€, per via dei relativi costi di progettazione. Anche in questo caso il nostro voto è stato negativo.
L’ultimo argomento di discussione è stata una mozione presentata dalla nostra Lista, per chiedere che anche Tribiano aderisse alla campagna “Verità per Giulio Regeni”, promossa da Amnesty International. Si tratta di un atto simbolico, una presa di posizione a nostro avviso necessaria in situazioni del genere. Il gruppo di maggioranza ha accolto la nostra proposta, ma non era d’accordo sull’esporre lo striscione della campagna sulla facciata del Palazzo municipale. Per questo motivo io e i miei colleghi abbiamo deciso di ritirare la mozione per ripresentarla modificata al prossimo Consiglio, così che l’assemblea possa votarla all’unanimità.

Consiglio comunale del 21/11/2016

Nel corso del consiglio comunale dello scorso 21 novembre sono stati affrontati quattro punti.
Sull’approvazione dei verbali della seduta precedente ci siamo espressi ancora in maniera contraria e continuiamo a ribadire che essi non riportano in maniera fedele e precisa lo svolgimento della discussione in aula.
Il secondo punto, inserito all’ordine del giorno come “convenzione per la gestione del servizio tesoreria”, riguardava in realtà la sola approvazione del testo della convenzione, in quanto non è ancora stato individuato l’istituto a cui sarà affidato il servizio. Dopo avere fatto notare al gruppo di maggioranza questa imprecisione, abbiamo votato a favore.
Il nostro voto è stato favorevole anche sul terzo punto in discussione, il regolamento per la rateizzazione dei tributi dovuti al Comune in seguito ad accertamento. Si tratta di un testo che disciplina le modalità di pagamento dilazionato per tasse non ancora versate. Nel corso della discussione, abbiamo espresso le alcune perplessità sulle modalità di presentazione della documentazione a supporto della richiesta di rateizzazione, a nostro avviso poco chiara nella parte che riguarda le motivazioni della richiesta. Ci è stato risposto che in ogni caso la motivazione va documentata e che non ci sono rischi di possibili “abusi” nelle domande di pagamento rateizzato.
L’ultimo punto verteva sulla quarta (!) variazione al Bilancio di Previsione 2016/2018. In sostanza, i fondi destinati alla realizzazione della nuova piazza municipale, dirottati in precedenza su “altri progetti”, sono stati ripristinati e pareggiati a bilancio grazie ad un gettito di quasi 500mila€ in ingresso, dovuto ad accertamenti fiscali eseguiti negli ultimi mesi. Ci siamo espressi in maniera contraria, in linea con i nostri voti passati sul Bilancio.

Da qui alla fine dell’anno si svolgeranno altri Consigli Comunali e verranno esaminati punti molto importanti, come l’approvazione definitiva del Bilancio (sperando non ci siano, nel frattempo, altre variazioni…) e del Documento Unico di Programmazione (DUP). Continuate a seguirci per rimanere aggiornati sull’attività del Consiglio Comunale, un momento preziosissimo del confronto politico, tenuto in scarsissima considerazione da questa Amministrazione, che dovrebbe invece cercare di avvicinare i cittadini anche a questa parte della politica e non solo alle proprie assemblee auto celebrative.

Consiglio Comunale del 18/10/2016

Nel consiglio comunale del 18 ottobre sono stati discussi tre punti piuttosto importanti, il piano di diritto allo studio 2016/17, la terza variazione di bilancio di previsione per il triennio 2016/18 e la presa d’atto del DUP (Documento Unico di Programmazione) 2017/19.
Il piano di diritto allo studio prevede uno stanziamento per i progetti didattici in linea con quello degli anni scorsi (circa 35 mila euro per materna, elementare e media, per un totale di 429 studenti). A fronte di un onere a carico del comune fortemente ridimensionato (circa 60 mila Euro in meno prevalentemente a causa dell’interruzione del servizio di trasporto verso Bustighera attivo fino all’anno scorso), l’attuale amministrazione non ha inteso reimpiegare questa somma, quantomeno in parte, per ampliare l’offerta formativa dei ragazzi tribianesi, preferendo tenere in cassa questo ammontare. Una scelta che non abbiamo condiviso e che ci ha indotti a votare contro al piano. Voto negativo anche per la variazione di bilancio che vede allocare una consistente cifra (circa 100 mila Euro) per la realizzazione di progetti esecutivi futuribili. Tra di essi, secondo quanto riferito dall’assessore Gabriele, anche quello dell’eventuale caserma dei carabinieri nell’ex palazzo comunale. Da ciò si capisce che: (1) oltre ai costi della ristrutturazione la nostra comunità dovrà farsi carico anche di quelli di progettazione; (2) i lavori di ristrutturazione dati per imminenti un giorno sì e l’altro pure dal nostro sindaco non sono nemmeno stati progettati. In ultimo il nostro voto è stato contrario anche per il DUP un documento che dovrebbe programmare il nostro futuro fino al 2019 e che invece non programma niente: non solo, un documento che avrebbe richiesto la più ampia condivisione è stato redatto senza alcun momento di compartecipazione, né con i consiglieri di minoranza né, tanto meno, con la popolazione.
Nel corso del consiglio abbiamo dovuto assistere alla solita vergognosa sceneggiata del sindaco ormai incapace di gestire, in modo consono al suo ruolo, lo svolgimento dei lavori e persino il controllo dei propri nervi. Non ci sono nemmeno più parole per descrivere questa situazione, solo tanta tanta amarezza e l’incredulità di come i suoi collaboratori possano accettare questa situazione senza proferire parola.

Consiglio Comunale del 30/11/2015

Si è tenuto, Lunedì 30 Novembre, un consiglio comunale con all’ordine del giorno due punti piuttosto importanti: l’approvazione della variazione del piano triennale delle opere pubbliche 2015/2017 e la variazione del bilancio previsionale 2015. I due punti sono, in verità, strettamente interconnessi e si originano da quella che pare essere un’apertura del governo sulla possibilità, da parte dei Comuni, di impiegare l’avanzo di bilancio per la realizzazione di opere pubbliche, a patto che esse siano già state già progettate (anche a livello preliminare) entro il 30 Novembre 2015. Giusto, dunque, da parte della nostra amministrazione, tentare di sfruttare questa opportunità e questo apparente allentamento del patto di stabilità, anche in considerazione del fatto che l’avanzo di bilancio del nostro comune è piuttosto sostanzioso (circa 2,5 milioni di Euro, se non erro). Peccato, però, che in ragione del vincolo sulla necessità che l’opera da finanziare sia già stata progettata, il nostro comune potrà sfruttare solo in minima parte questa situazione favorevole. In sostanza solo per completare il previsto ampliamento del cimitero (mettendo mano all’intero progetto e non solo al primo lotto come originariamente annunciato) e per realizzare la piazza comunale, peraltro già pianificata. Rimangono fuori altre opere che si sarebbero potute realizzare, sfruttando al massimo questa incredibile occasione: pensiamo ad esempio alle nuove strutture per lo sport, promesse da anni e da anni sistematicamente rimandate. Era il 2012 quando l’attuale maggioranza scrisse, in risposta ad una nostra raccolta firme per la realizzazione di una nuova palestra: “Vi comunichiamo ufficialmente che l’attuale coalizione di maggioranza ha deliberato perché venga dato incarico a un professionista l’elaborazione del progetto di massima circa i due campi da calcio e quello di bocce, al fine di dare concretamente avvio alla procedura che porterà a Tribiano un polo sportivo. Nel caso sia possibile, quindi burocrazia permettendo, faremo di tutto per anticipare i tempi. L’opposizione già lo sapeva, ma ha voluto ad ogni modo furbescamente raccogliere le firme per accaparrarsi simpatie tra la cittadinanza”. Evidentemente non era vero niente, perché se il progetto fosse stato realmente realizzato, oggi avremmo potuto mettere mano al nuovo polo sportivo. Un incredibile occasione persa!

Consiglio Comunale del 22/10/2015

Il Consiglio Comunale di giovedì scorso, 22 ottobre, ha visto all’ordine del giorno diversi punti che sono stati oggetto di discussione e scontro tra maggioranza e opposizione.
Dopo l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti (per i quali ci siamo espressi con voto contrario), l’assemblea ha preso in esame una nostra interrogazione urgente, presentata prima dell’inizio della riunione. Abbiamo chiesto al Sindaco come mai dal centro polifunzionale del parco Freud siano spariti i componenti della cucina e gli arredi della sala, dove si trovino questi beni di proprietà comunale e che azioni abbia intrapreso l’Amministrazione in merito all’avvenimento. Ci è stato detto che è in corso un’indagine da parte delle forze dell’ordine e che la Procura ha ricevuto una notizia di reato.
Si è passati quindi all’esame delle tre mozioni presentate dalla nostra lista. La prima riguardava l’adesione del nostro Comune al “Progetto Carta d’identità – Donazione organi” promosso dalla Rete Giovani Amministratori di Milano, di cui anche io faccio parte. Il testo chiedeva che venisse introdotta per i cittadini la possibilità di indicare sul proprio documento la volontà di donare gli organi ed è stato respinto dal Consiglio (8 contrari e 3 favorevoli) poichè, a detta dell’Amministrazione, Tribiano si sta già muovendo su questo tema la mozione risulta quindi ridondante. Come rappresentante della Rete Giovani Amministratori, mi sarebbe piaciuto che anche il nostro Comune aderisse alla proposta, frutto di diversi mesi di lavoro assieme ad altri ragazzi che lavorano in zone limitrofe e che hanno visto i propri consigli comunali accogliere con entusiasmo l’iniziativa.
Abbiamo successivamente affrontato la mozione che richiedeva la nomina di una commissione al fine di valutare l’utilizzo temporaneo dell’ex palazzo comunale come dimora temporanea per le famiglie di migranti. Il nostro testo chiedeva solo un confronto tra maggioranza e opposizione per verificare se ci fossero le condizioni affinchè il progetto potesse essere realizzato. L’Amministrazione comunale è stata molto abile nello strumentalizzare la nostra richiesta, prima fuorviando i tribianesi sul vero contenuto del documento e poi impostando la discussione su posizioni ideologiche, senza la vera volontà di discutere sul tema. Secondo il Sindaco e i suoi collaboratori, l’edificio è destinato a diventare la nuova Caserma dei Carabinieri (non si hanno informazioni dettagliate in merito a tempi ed eventuali costi dell’operazione), per cui non c’è motivo di ragionare su altri possibili utilizzi in attesa che questo progetto venga portato a termine. La mozione è stata respinta con 8 voti contrari e 3 favorevoli.
La terza e ultima proposta che avevamo presentato all’assemblea chiedeva che venisse introdotta la registrazione in diretta e la trasmissione in streaming dei Consigli comunali. Anche questo testo è stato bocciato (8 no, 3 sì) perchè per la maggioranza si tratta di un servizio “statisticamente e economicamente” svantaggioso. Poiché l’affluenza dei cittadini alle sedute di Consiglio è molto bassa, io e i miei colleghi pensavamo che fosse una buona idea dare ai tribianesi la possibilità di seguire le riunioni direttamente da casa. Questo nuovo servizio, peraltro, avrebbe gravato in maniera molto relativa sulle casse comunali e, per favorirne l’introduzione, saremmo stati disposti a rinunciare ai nostri gettoni di presenza come consiglieri. Siccome l’Amministrazione preferisce dedicarsi “ad altri tipi di servizi per i cittadini”, la mozione è stata respinta, con i voto contrario anche da parte degli altri giovani che siedono in Consiglio comunale: personalmente, mi è dispiaciuto vedere ragazzi poco più grandi di me esprimersi in maniera negativa contro una proposta che avrebbe portato un po’ di innovazione tecnologica a Tribiano.
Prima di discutere l’ultimo punto all’ordine del giorno, l’Assessore alla Sicurezza Michela De Cicilia ha annunciato le sue dimissioni, per motivi personali.
Abbiamo infine trattato il Piano per il diritto allo studio per l’a.s. 2015/2016. Il fascicolo era molto simile per numeri e proposte a quello presentato lo scorso anno, sul quale ci eravamo espressi in maniera contraria, lamentando un’insufficienza di fondi destinati alla scuola. In linea con questo pensiero, dopo qualche botta e risposta con l’Assessore Delle Cave per avere chiarezza su alcuni punti tecnici, abbiamo votato contro e il testo è stato approvato con 8 sì e 3 no.

freud 001

 

comune 001

Nuove mozioni presentate in Consiglio

Abbiamo protocollato 3 nuove mozioni da votare in consiglio comunale (le trovate allegate). Gli argomenti sono molto vari, ma tutti ugualmente importanti. La prima riguarda la possibilità di utilizzare l’ex palazzo comunale per dare ospitalità, in via temporanea, a famiglie di profughi in fuga dai paesi in guerra. E’ un tema di grande attualità e oggetto di discussione anche nella nostra comunità (si pensi alle difficoltà che anche la parrocchia e la Caritas tribianese stanno incontrando nel trovare qualcuno disponibile a dare in affitto un appartamento). Con questa mozione chiediamo che sia istituita una commissione che analizzi tempi e costi dell’operazione. Questo ridarebbe vita anche ad una struttura attualmente dismessa oltre che, naturalmente, rispondere doverosamente a esigenze di carattere umanitario. Un’altra mozione chiede che sia finalmente resa disponibile la trasmissione streaming dei consigli comunali: un modo per coinvolgere maggiormente la popolazione e riavvicinarla alla politica cittadina. Cosa di cui c’è davvero bisogno. La terza e ultima mozione, non meno importante delle altre due, domanda che si aderisca al “Progetto Carta Identità – Donatori Organi”, un progetto promosso dalla Rete dei Giovani Amministratori di Milano cui partecipa anche il “nostro” Marcello Filibeck: in sostanza si chiede che sia data la possibilità, a chi lo voglia, di inserire sulla propria carta di identità l’indicazione di volontà di donazione degli organi.

MOZIONE #IOSONODONATORE

MOZIONE NOMINA COMMISSIONE PER IMPIEGO TEMPORANEO EX PALAZZO COMUNALE PER FAMIGLIE DI MIGRANTI

MOZIONE STREAMING CONSIGLI COMUNALI

Consiglio comunale del 9/07/2015

Nel consiglio comunale dello scorso giovedi sono stati affrontati diversi punti. Ecco, come sempre, una sintesi di ciò che è stato discusso durante l’assemblea.
I primi due punti riguardavano l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti; il nostro voto è stato contrario perchè da tempo lamentiamo che i verbali sono incompleti, di fatto un “copia-incolla” del testo della delibera senza alcun dettaglio aggiuntivo.
I successivi quattro punti vertevano sulla determinazione delle aliquote IMU, TARI e TASI per il 2015: poichè il testo della delibera è pressoché identico a quello votato l’anno scorso e le quote delle aliquote non hanno subito nessuna variazione, ci siamo astenuti, in linea con la votazione di un anno fa.
Si è parlato poi dei piano triennale delle opere pubbliche redatto dall’Amministrazione. Ci siamo espressi in maniera contraria perchè, ancora una volta, tutti i progetti elencati subiscono lo slittamento di uno o due anni rispetto al prospetto del 2014. Opere importanti e necessarie, come un nuovo impianto sportivo oppure la piazza del Comune, continuano ad essere posticipate, fino a quando non si sà.
Dopo l’approvazione di un paio di punti di carattere formale, votati all’unanimità dal Consiglio, si è passati alla discussione del bilancio di previsione 2015. Dopo un lungo dibattito su alcune voci del documento, durante il quale abbiamo espresso le nostre perplessità riguardo l’aumento della spesa corrente del Comune, ci siamo schierati contro l’approvazione del documento. Nel corso della discussione è scaturito anche un confronto tra le posizioni di maggioranza e opposizione sulle gestioni associate, che ha visto i nostri consiglieri difendere le forme di convenzione tra Comuni, in grado di generare maggiori entrate economiche a causa degli incentivi che esse offrono. Dall’altro lato invece, l’Amministrazione si è schierata contro questa possibilità, sostendo che a livello ideologico la gestione associata può essere una idea valida, ma che non è applicabile sul piano pratico per questioni legate alle necessità dei singoli Comuni. La discussione di questa tematica ha introdotto il punto numero undici, che riguardava una variazione dello schema di convenzione tra Tribiano, Mediglia e Comazzo per la funzione di polizia municipale. Poichè questa gestione associata non ha mai funzionato, abbiamo espresso da sempre i nostri dubbi in merito all’efficacia di questo accordo, non vediamo come possa migliorare inculdendo Comazzo nello schema, che oltre a distare 10km dal nostro paese, possiede solo due vigili urbani. Per questo il nostro voto è stato contrario.
Infine abbiamo trattato la mozione presentata dalla nostra Lista (trovate il testo cliccando qui), che costituiva un atto di impegno da parte del Comune contro le infiltrazioni mafiose sul nostro territorio. Una richiesta necessaria, anche alla luce dell’inaugurazione del Presidio di Libera sud-est Milano, di cui anche Tribiano fa parte. L’assemblea ha votato il provvedimento all’unanimità e con la trattazione di questo punto si è concluso il Consiglio comunale.

Consiglio comunale del 30 aprile 2015

Nel consiglio comunale di giovedì sera abbiamo affrontato tre punti.
Il primo riguardava il rendiconto finanziario relativo al bilancio 2014. L’assessore Gabriele ha presentato i numeri dello stato patrimoniale e del conto economico. Ci siamo espressi con un voto di astensione, poiché risulta una perdita di esercizio di 220.000€, che dovrebbe essere coperta con le entrate tributarie dei prossimi mesi. In generale si trattava di un assestamento del bilancio comunale, in attesa di discutere il documento relativo a quest’anno.
Il secondo punto verteva sull’adesione di Tribiano al “Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo”: il documento, approvato all’unanimità, impegna l’Amministrazione ad utilizzare i mezzi a sua disposizione per contrastare la diffusione di sale giochi e slot machines e costituisce una importante presa di posizione contro questo tipo di attività. L’approvazione è stata l’ultimo passo di un percorso condiviso tra maggioranza e opposizione, partito da una nostra idea che è stata discussa con il Sindaco. Ritenevamo importante che tutti i consiglieri sottoscrivessero i contenuti di questo atto, speriamo di potere lavorare in un clima simile anche in futuro.
L’ultimo punto era un semplice passaggio formale sulla fornitura di gas, approvato all’unanimità dall’assemblea.